Opzioni binarie, su quali scadenze conviene puntare?

opzioni binarie

Una delle caratteristiche più rilevanti degli investimenti in opzioni binarie, come sottolineato da http://herban2011.org/, è certamente rappresentata dalla possibilità di poter personalizzare ogni principale aspetto del proprio investimento, andando – ad esempio – a contraddistinguere il proprio impegno finanziario in un orizzonte temporale ben definito.

Si tratta, naturalmente, non dell’unico aspetto di personalizzazione che il trader potrà ben gestire in relazione alle opzioni binarie: si pensi alla scelta del capitale da investire, all’asset cui è possibile fare riferimento, o ancora all’esercizio di eventuali leve, e così via.

È tuttavia anche uno degli elementi di personalizzazione di maggiore fascino, che conduce spesso il trader a considerare se esista una scadenza temporale sulla quale convenga puntare.

Tante opportunità di scelta

Prima di cercare di fornire una risposta a quanto sopra, è bene cercare di ricordare che investire con le opzioni binarie significa impegnarsi in una scadenza predeterminata e molto varia.

Il concetto di predeterminazione è presto detto: il trader, aprendo una posizione con l’opzione binaria, saprà fin dall’inizio quando andrà a scadere l’opzione. Rimane pur sempre valida – se il broker lo consente – la possibilità di chiuderla in anticipo, ma in linea di massima la posizione rimarrà tale fino alla scadenza concordata in apertura.

Il concetto di “varietà” delle scadenze è sicuramente più noto. Con le opzioni binarie potete infatti scegliere di investire a partire da soli 30 secondi, passando poi per scadenze più ampie di diversi giorni, settimane, mesi. Un ventaglio di chance davvero invidiabili, che spesso conduce a riflessioni anche totalmente diverse sul fronte della convenienza a investire e delle strategie sottostanti l’investimento. Ma quali?

Breve o lungo termine?

Senza pretese di approfondire in modo troppo esaustivo l’argomento, possiamo certamente ricordare come investire in un’opzione binaria a 30 secondi sia molto diverso dall’investire in un’opzione binaria con scadenza pari a un mese. In prima battuta, si può facilmente ricordare che nella prima ipotesi (investimento a 30 secondi) ci troveremo dinanzi a un arco temporale talmente breve da rendere difficoltoso qualsiasi tipo di analisi fondamentale e perfino tecnica.

E non è un caso che la Consob si sia soffermata su questo genere di investimenti, ricordando come troppo spesso essi finiscano con l’essere considerati alla stregua di una semplice scommessa finanziaria.

L’investimento in opzioni binarie di scadenza più protratta nel tempo permette invece di poter effettuare delle analisi più congrue sull’andamento dei mercati finanziari e degli asset di maggiore interesse, con ciò che ne consegue sul fronte della possibilità di poter gestire l’evoluzione della posizione.

Guai però a pensare che investire con le opzioni binarie di lungo raggio sia più facile: sono sicuramente più semplici da affrontare in termini analitici e prospettici, ma non vi daranno certamente la maggiore garanzia di rendimento.

Ad ogni modo, noi consigliamo ai trader che si stanno avvicinando per la prima volta a questo mondo di iniziare con le scadenze più ampie, assicurandosi così la possibilità di poter “comprendere” meglio quel che sta avvenendo. Sperimentate il tutto con un buon conto demo e passate al trading reale solo quando vi sentite pienamente pronti!

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *